Sarebbe stato impossibile esplorare questa tomba di 2.300 anni fa..

Pubblicato il 05/26/2021
Pubblicità

Anche se l’acqua non sembrava piacevole, Kristin Romey si preparava a tuffarsi nelle sue profondità. Sopra di lei, c’era un enorme indizio sul motivo per cui si stava anche mettendo in questo primo posto. Vedi, c’è una piramide in questa parte del Sudan settentrionale. Questo è un monumento realizzato per onorare un monarca perduto da tempo che funge da prova di un regno utilizzato per governare grandi porzioni di questa parte del continente. Una volta che Romey e un collega sono arrivati a destinazione, sono rimasti sorpresi da ciò che hanno visto …

It Would Have Been Impossible To Explore This 2,300 Year Old Tomb Of A Black Pharaoh Without Divers

Sarebbe stato impossibile esplorare questa tomba di 2.300 anni fa di un faraone nero senza subacquei

Sapevano dove dovevano andare

Loro due sapevano esattamente dove dovevano andare. C’era una tomba di uomo sotto la piramide in questione, e non era un normale Joe. Nastase una volta governava come il faraone della Nubia. Era stato sepolto in quel punto più di due millenni prima. Romey, un’archeologa, scese una scala che era stata incisa nella pietra. In caso di emergenza, poteva fare affidamento solo su una piccola bombola per l’aria.

They Knew Where They Had To Go

Sapevano dove dovevano andare

Così in profondità non c’era molto spazio per la testa

Pearce Paul Creasman stava aspettando il suo collega alla base delle scale. Era anche un archeologo e ha lavorato con una sovvenzione per gentile concessione del National Geographic. Tuttavia, ha avuto alcune parole di avvertimento per il suo collega. Le disse: “Oggi è davvero profondo. Non ci sarà spazio per la testa nella prima camera. ” E infatti, a quel punto era anche immerso fino al petto nelle acque scure.

So Deep There Was Not Much Headroom

Così in profondità non c’era molto spazio per la testa

L’ha controllato per la prima volta poche settimane fa

Solo un paio di settimane prima, Creasman ha avuto l’opportunità di controllare da solo la tomba allagata. Insieme a Romey, ora progettava di andare in profondità di tre camere e scoprire di più su un sarcofago che era rimasto intatto per secoli. Prima che ci riuscissero, le mostrò una grattugia di metallo e le disse che doveva passare attraverso una piccola apertura per raggiungere la catacomba!

He First Checked It Out A Few Weeks Ago

L’ha controllato per la prima volta poche settimane fa

A Submerged Tomb At Nuri

I due archeologi stavano esplorando una tomba che giace a Nuri, un sito che si estende su quasi 200 acri di terra. È abbastanza vicino alla sponda orientale del fiume Nilo. Ciò significava che si trovava a nord di Khartoum, la capitale del Sudan. La zona è probabilmente meglio conosciuta per le 20 piramidi o giù di lì che ospita. Tutti furono costruiti tra il 650 a.C. e 300 a.C.

A Submerged Tomb At Nuri

A Submerged Tomb At Nuri

Where The Water Came From

Nastase’s pyramid had a base that measures 100 square feet. It rests on a tiny area on level ground. Even though the tomb lies a mile away from the river, it has since become prone to groundwater flooding over time. This is the reason the three chambers of the final resting place are all submerged. After all, they were all sliced into the rock below the desert sands.

Where The Water Came From

Where The Water Came From

Ci sono molte piramidi a Nuri

The pyramid in question is only one of many at Nuri. The huge structures are all part of a bigger complex first built during the Napatan period. The pyramids were built in the dry parts on both sides of the Nile, which had once been a part of the ancient region of Nubia. Like others found in the area, these huge structures are characterized by architecture and art features unique to the region surrounding Nuri.

There Are Many Pyramids At Nuri

Ci sono molte piramidi a Nuri

È un sito culturale mondiale dell’UNESCO

Grazie all’unicità della zona, l’UNESCO ha riconosciuto collettivamente l’area come patrimonio culturale mondiale nel 2003. Il Gebel Barkel è la montagna vicino all’area ed è significativo sia per gli attuali residenti che per coloro che vi abitarono diversi millenni fa . C’è stato un momento in cui il popolo egiziano pensava che il dio Amon vivesse su quella montagna!

It Is A UNESCO World Cultural Site

È un sito culturale mondiale dell’UNESCO

Questo è sempre stato un sito importante

Le piramidi sono sempre state importanti per le persone della zona. Rappresentavano gli ultimi luoghi di riposo dei re e delle regine del Regno di Kush. I “faraoni neri” erano subalterni degli imperatori egiziani. Quando il Nuovo Regno cadde a pezzi, la loro influenza nella regione iniziò a crescere. In effetti, i Kushiti presero il controllo di tutto l’Egitto nel 760 a.C.

This Has Always Been An Important Site

Questo è sempre stato un sito importante

Hanno guardato al passato per trovare ispirazione

Per essere precisi, i cinque faraoni neri sono stati ispirati dal passato. Decisero di far rivivere le vecchie usanze e pratiche usate dai loro predecessori. Tra le altre cose, costruirono anche piramidi per contrassegnare le proprie tombe come facevano i vecchi governanti. In tutto, oltre 80 reali furono sepolti a Nuri. Avevano piramidi costruite anche per una su quattro di queste tombe.

They Looked At The Past For Inspiration

Hanno guardato al passato per trovare ispirazione

Quanto erano influenti i Kushiti

Creasman ha avuto l’opportunità di spiegare l’importanza storica e culturale dei Kushiti quando ha parlato alla BBC nel luglio 2019. “[I Kushiti] erano sull’unico corridoio attraverso il Sahara dove puoi attraversare il deserto in vista dell’acqua potabile tutto il percorso, in modo da metterli in una posizione molto importante “, ha spiegato l’archeologo. “Questo è anteriore all’arrivo del cammello.”

How Influential The Kushites Were

Quanto erano influenti i Kushiti

La sua influenza venne e andò

Kush ha guadagnato più importanza nel 2000 a.C., ma la sua influenza ha avuto alti e bassi. Nonostante ciò, è difficile ignorare la sua produzione d’oro. I neo-assiri cacciarono i faraoni neri dall’Egitto nel VII secolo a.C. Anche se così fosse, continuarono a governare la regione fino al IV secolo d.C. Fu allora che il loro regno sulla loro dominazione terminò finalmente.

Its Influence Came And Went

La sua influenza venne e andò

Taharqa ha iniziato lì le sepolture reali

D’altra parte, si ritiene che le sepolture reali a Nuri siano state iniziate da Taharqa. Il faraone ha la più grande piramide della regione. I suoi discendenti continuarono a utilizzare l’area come loro necropoli personale negli anni a venire. Alcuni di loro lo hanno utilizzato per lo stesso scopo anche dopo che le sabbie hanno rivendicato la Kush.

Taharqa Started The Royal Burials There

Taharqa ha iniziato lì le sepolture reali

Potreste averlo sentito parlare nella Bibbia

Conosci la Bibbia? Se è così, il suo nome potrebbe suonare un campanello. Nel secondo libro dei Re abbiamo appreso come scacciò gli assiri durante il loro tentativo di conquistare Gerusalemme. Questa battaglia si è conclusa con la vittoria per lui. Tanto che in seguito l’Egitto e Kush godettero di un lungo periodo di pace. È stato un grande momento per il faraone, che ha poi incanalato la sua attenzione su più lavori di costruzione.

You Might Have Heard Of Him In The Bible

Potreste averlo sentito parlare nella Bibbia

Proprio come quelli dei faraoni egiziani

La sua piramide a Nuri potrebbe assomigliare alle sue controparti in Egitto, ma c’è una chiara distinzione tra di loro. Vedi, i faraoni egizi erano stati sepolti nelle piramidi. D’altra parte, i re kushiti furono sepolti sotto i loro. Scavare le camere sepolcrali dei Kushiti è un compito più difficile per gli archeologi. Dopotutto, hanno dovuto scavare nella sua base rocciosa sotto le strutture per accedere alle tombe.

Just Like Those Of The Egyptian Pharaohs

Proprio come quelli dei faraoni egiziani

La prima persona a tentare questo

George Reisner è diventato il primo uomo a dare una possibilità a questo compito. Era un archeologo americano la cui specializzazione era l’Egitto. Grazie al suo giudizio e alla sua vasta conoscenza, fu acclamato come l’autorità su questa antica civiltà che un tempo dominava quella regione del Nord Africa. Prima di affrontare Nuri, una volta aveva scavato a Giza. Come forse già saprai, è qui che si trova la Grande Piramide.

The First Person To Attempt This

La prima persona a tentare questo

Una volta arrivato a Nuri

All’inizio del XX secolo, Reisner arrivò a Nuri per scavare nelle camere funerarie di Taharqa. Ha mappato anche le altre strutture laggiù. L’egittologo ha fatto una grande scoperta durante il suo tempo lì. Ha scoperto che l’acqua sotterranea proveniente dal Nilo potrebbe rendere molto difficile indagare ulteriormente sul sito.

Once He Got To Nuri

Una volta arrivato a Nuri

Non ha pubblicato le sue scoperte

Nonostante ciò, non si è preoccupato di pubblicare l’esito della sua indagine su Nuri. Ciò significa che il sito non è riuscito a ottenere l’attenzione che avrebbe potuto ricevere altrimenti. A parte questo, sembra che Reisner non pensasse che i re kushiti ei faraoni egiziani fossero di pari dignità dal punto di vista razziale. Sembrava che vedesse i loro edifici solo come imitazioni dei siti più vecchi.

He Did Not Publish His Findings

Non ha pubblicato le sue scoperte

Nuri è rimasto inesplorato per la maggior parte

Nel 1922, la scoperta del luogo di sepoltura di Tutankhamon ricevette l’attenzione globale. Nonostante ciò, Nuri rimase relativamente inesplorato. Siamo sicuri che non ha aiutato il fatto che il lato enorme abbia rappresentato un’enorme sfida per gli archeologi che hanno avuto il coraggio di saperne di più. Molte tombe potrebbero essere state sommerse. A quel tempo, l’archeologia subacquea doveva ancora essere tentata nel paese del Sudan.

Nuri Remained Unexplored For The Most Part

Nuri è rimasto inesplorato per la maggior parte

Perché nessuno ci aveva riprovato

Questo era il motivo per cui nessuno lo aveva provato con successo fino al 2018. Questo è stato quando un archeologo con le competenze necessarie ha finalmente prestato attenzione al sito. Creasman è dotato di un’esperienza di archeologia subacquea che Reisner non ha fatto. Inoltre, conosceva anche gli studi egiziani. Solo così sai, capita anche che sia coinvolto nella dendrocronologia, che è lo studio degli anelli degli alberi.

Why No One Had Tried Again

Perché nessuno ci aveva riprovato

La persona perfetta per il lavoro

La sua base era l’Università dell’Arizona. Da lì, il suo interesse per il Sudan e l’antico Egitto lo ha portato a lavorare a un programma di ricerca nei paesi africani. La spedizione egiziana del collegio è operativa dalla fine degli anni ’90. Si è concentrato principalmente su Tebe e sulla Valle dei Re. Il suo lavoro sul campo ha ricevuto riconoscimenti da enti come la Royal Geographical Society!

The Perfect Person For The Job

La persona perfetta per il lavoro

Un re Kushite di nome Nastase

Una volta che Creasman arrivò a Nuri, voleva controllare la tomba di un re kushita chiamato Nastase. Governò dal 335 a.C. fino al 315 a.C. Il sovrano fu l’ultima persona ad avere una tomba lì, quindi finì con il peggior appezzamento di terra della zona. Siamo lieti che questo non abbia scoraggiato l’archeologo. Ha invece visto l’opportunità di studiare questo luogo di sepoltura. Era l’ideale per determinare quanto fossero impregnate d’acqua il resto delle strutture nell’area.

A Kushite King By The Name Of Nastasen

Un re Kushite di nome Nastase

Verso la caduta dei Napatans

Il regno di Nastasen ha avuto luogo vicino agli ultimi giorni della cultura Napatan. Il centro del potere in Nubia si spostò non molto tempo dopo il suo passaggio al trono a Meroë. Questo sviluppo ha portato a disordini tra la casa Napatan e altri reali in lizza per il controllo su Kush. Questo conflitto creò un bel contrasto con il regno di Nastase. Durante il suo periodo al potere, la sua influenza sull’enorme regione era forte.

Towards The Fall Of The Napatans

Verso la caduta dei Napatans

Aveva tutto sotto controllo

Nastase ha dimostrato di avere tutto sotto controllo quando il re egiziano Khabbash ha attaccato. Questa imboscata non finì bene per l’esterno poiché le forze nubiane respinsero il suo gruppo. Ha inferto un duro colpo alle sue forze navali e al tesoro. Anche se Nastasen era una figura piuttosto oscura, c’è una ragione per cui gli storici moderni hanno imparato molto sul conflitto in questione.

He Had It All Under Check

Aveva tutto sotto controllo

L’hanno trovato da qualche altra parte

La verità è che Nastasen ha commissionato un monumento in granito alto 5 piedi noto come stele dopo aver sconfitto Khabbash. Probabilmente fu collocato nel tempio di Amon a Gebel Barkal. Successivamente è stato trovato a Dongola, una città sul fiume Nilo nella parte settentrionale del Sudan. La pietra è inoltre contrassegnata dai più recenti geroglifici egiziani scoperti. Il messaggio commemora il trionfo del faraone nero.

They Found It Somewhere Else

L’hanno trovato da qualche altra parte

Non molto altro a parte quello

A parte questo, non è stato trovato molto altro su Nastasen. Se volevano saperne di più su di lui, dovevano passare attraverso la sua tomba. Questo era molto più facile a dirsi che a farsi. Non ha aiutato il fatto che il livello dell’acqua sia aumentato in modo significativo dopo che Reisner ha effettuato la prima spedizione nella zona.

Not Much Else Apart From That

Non molto altro a parte quello

Pubblicità